Italia,  Piemonte

Isole Borromee: tour delle isole sul Lago Maggiore

Le Isole Borromee sul Lago Maggiore sono una vera perla in cui arte e natura si incontrano, il posto perfetto per una gita in giornata da cui tornare con la bellezza negli occhi e i ricordi nel cuore.

Se stai programmando una fuga dalla città, nelle prossime righe ti racconto come organizzare e cosa aspettarti dal tour delle Isole Borromee!

Lago con montagne sullo sfondo, un isolotto al centro e diverse barche
Il Lago Maggiore

Le Isole Borromee sul Lago Maggiore

Una delle principali attrazioni del Lago Maggiore sono sicuramente le tre eleganti isole: Isola Madre, Isola Bella e Isola dei Pescatori.

È naturalmente alla famiglia Borromeo che si devono gran parte delle bellezze che possiamo ammirare: innamorati del lago e delle sue isole, i Borromeo sono stati i primi a scommettere su questo territorio, rendendolo il paradiso che è oggi grazie alla cura nella realizzazione di lussuose ville e rigogliosi giardini.

Come raggiungere le Isole Borromee in traghetto

Il mio tour delle Isole Borromee parte da Stresa, più precisamente dall’imbarco di Piazzale Lido.

Se, come probabile, sei arrivato in macchina, hai due opzioni per il parcheggio:

  • Il parcheggio gratuito della stazione, non costa nulla e dista circa 10 minuti a piedi (la strada non è bellissima perché manca il marciapiede, ma nulla di drammatico);
  • Il parcheggio a pagamento di Piazzale Lido, al costo di € 1,80 (€ 14 per tutto il giorno), si trova esattamente di fronte al molo di partenza dei traghetti.

Direttamente sul molo si trova un piccolo chiosco dove fare i biglietti per il traghetto per porta alle isole. I prezzi dipendono dall’isola che si vuole raggiungere:

  • Isola Madre + Isola dei Pescatori + Isola Bella: € 15
  • Isola Bella + Isola dei Pescatori: € 10
  • Isola Madre: € 11
  • Isola dei Pescatori: € 8
  • Isola Bella: € 6
Ninfee con sfondo del lago
Ninfee nei giardini dell’Isola Madre

Naturalmente ti consiglio di visitare tutte e tre le isole, che riempiono perfettamente il tempo di una giornata. I traghetti fanno la spola abbastanza frequentemente, massimo ogni mezz’ora (ma io non ho mai aspettato più di 15-20 minuti).

Consiglio: anche io odio alzarmi presto, ma l’ideale sarebbe arrivare all’imbarco verso le 10/10:30 per godersi davvero la giornata ed evitare anche un po’ di calca.

Biglietto cumulativo per la visita alle Isole Borromee

Per visitare i palazzi e i giardini dell’Isola Madre e dell’Isola Bella è necessario acquistare il biglietto d’ingresso. È naturalmente possibile comprare ciascun biglietto sul posto, ma con ogni probabilità troverai ad attenderti una lunga e noiosa coda. Il mio consiglio è di acquistare i biglietti online su questo sito; io l’ho fatto sul momento per saltare la coda, e ho comprato il biglietto da € 24 che permette l’accesso ad entrambi i Palazzi.

Se invece ti interessa solo una delle due destinazioni, i prezzi dei biglietti singoli sono i seguenti:

  • Isola Madre: € 13,5
  • Isola Bella: € 17

Isola Madre

  • Cosa fare: visita a palazzo Borromeo e i suoi giardini all’inglese
  • Prezzo del biglietto: € 13,5 (€ 24 il biglietto cumulativo Isola Madre + Isola Bella)
  • Durata della visita: 1,5 – 2 ore

La prima isola del tour è l’Isola Madre, la più grande delle tre, interamente occupata dal palazzo Borromeo e dai suoi splendidi giardini all’inglese.

La vista sul lago dall’Isola Madre

Se non sei interessato a visitare gli interni del palazzo e i giardini, ti consiglio di saltare questa isola, dato che senza biglietto non si può accedere praticamente a nulla. Personalmente non sono una che ama visitare palazzi e musei, ma credo davvero che la bellezza di questi posti valga a pieno il prezzo del biglietto!

Il giardino botanico

Il giardino botanico all’inglese che si trova sull’Isola Madre ospita piante e fiori provenienti da tutto il mondo, compreso un imponente cipresso del Kashmir, arrivato qui nel 1862 dall’Himalaya ancora sotto forma di semi e divenuto negli anni simbolo dell’isola. Si tratta del più vecchio e grande esemplare d’Europa, e nel 2006 è stato salvato da una tromba d’aria che si abbatté sull’isola.

Pavone con la coda chiusa, libero in un prato
Uno dei pavoni che vivono nel giardino botanico

Tra queste splendide piante si aggirano fagiani e pavoni di tutti i colori, liberi di muoversi anche in mezzo ai turisti.

Palazzo Borromeo

Il palazzo si snoda tra numerose sale e logge, arredate e decorate con oggetti provenienti da diverse dimore della famiglia. Oltre al palazzo in sé, la vista sul circostante parco e sul lago è davvero splendida.

Sala di un palazzo con quadri alle pareti, un elegante tavolo al centro con una pianta
L’interno del Palazzo Borromeo sull’Isola Madre

Bar e ristorante

Se vuoi fermarti a mangiare sull’Isola Madre, o anche solo rifocillarti prima di proseguire il tour, al termine della visita del Palazzo si trovano una caffetteria molto graziosa e un ristorante vista lago (La Piratera). Purtroppo non ho provato nessuno dei due, quindi non posso dare un giudizio.

Isola dei Pescatori

  • Cosa fare: pranzo vista lago e giro tra i negozietti
  • Durata della visita: ½ ora + il tempo del pranzo

Riprendendo il traghetto dall’Isola Madre, la tappa successiva sarà l’Isola dei Pescatori. Molto probabilmente sarà quasi ora di pranzo, il che cade a pennello dato che quest’isola, l’unica ad essere stabilmente abitata da poco più di una trentina di persone, ha un’offerta molto più ampia di ristorantini e caffè.

Consiglio: meglio decidere con un po’ di anticipo dove mangiare e prenotare un tavolo (sempre che il ristorante accetti prenotazioni), soprattutto se stai visitando l’isola nel weekend. Sarebbe un peccato perdere un bel pranzo vista lago perché non si è riusciti a trovare un tavolo! Io naturalmente mi sono ritrovata a dover girare diversi posti prima di trovarne uno con un tavolo libero. Ho mangiato al ristorante La Pescheria, un posto normale, la vista lago purtroppo era un po’ coperta dalle piante. Avevo messo gli occhi sulla bellissima terrazza del ristorante Belvedere ma era al completo; toccherà riprovare la prossima volta!

Se non vuoi spendere troppo (al ristorante aspettati circa € 25 a testa), puoi fermarti ad una delle panetterie/pizzerie che vendono tranci di pizza da consumare mentre si visita l’isola o a bordo lago.

Isola Bella

  • Cosa fare: visita a palazzo Borromeo e alle terrazze del giardino botanico, shopping tra i vicoli dell’isola
  • Prezzo del biglietto: € 17 (€ 24 il biglietto cumulativo Isola Madre + Isola Bella)
  • Durata della visita: 1,5 – 2 ore

L’ultima tappa è forse anche la più bella, mi ha davvero catturata.

Scalone d'ingresso del Palazzo Borromeo, con pareti azzurre e decorazioni in gesso
Il Palazzo Borromeo sull’Isola Bella

Anche qui il pezzo forte è dato dal sontuoso Palazzo e dai suoi giardini, ma c’è anche la possibilità di girare gratuitamente tra i graziosi vicoli dell’isola, e anche qui troverai bar e ristoranti (anche se in numero inferiore rispetto all’Isola dei Pescatori).

Palazzo Borromeo

Il Palazzo dell’Isola Bella è molto più lussuoso e ricercato rispetto a quello dell’Isola Madre, con sale elegantissime e una vista a strapiombo sul lago davvero pazzesca.

Il Salone all’interno del Palazzo Borromeo

Tra le sale che mi hanno colpita di più ci sono sicuramente:

  • la Galleria Berthier, una sala di oltre 130 quadri tra capolavori barocchi e copie di grandi pittori del passato;
  • il Salone, un’ampia sala con un altissimo soffitto a cupola interamente tinteggiato di azzurro pastello con decorazioni in gesso bianco;
  • le Grotte, una serie di stanze al piano terra interamente rivestite di ciottoli e pietre di tufo che ricreano un effetto di grotte marine volute da Vitaliano VI Borromeo per ripararsi dal caldo dell’estate. Non penso di aver mai visto delle stanze più particolari.
Sala di un palazzo decorata a ricreare delle grotte. Sul fondo, una finestra aperta che si affaccia sul lago
Le Grotte del Palazzo Borromeo

Mi ha fatto sorridere vedere in ogni angolo dipinto il motto della famiglia: Humilitas (umiltà). Diciamo che l’umiltà non è proprio quello che trasuda da questo palazzo!

Breve lezione di storia: è proprio in una delle stanze del palazzo che si tenne la Conferenza di Stresa nel 1935. In questa occasione di riunirono il ministro degli esteri francese, il primo ministro britannico e il capo del governo italiano (Benito Mussolini) per discutere della violazione del Trattato di Versailles da parte della Germania di Adolf Hitler.

I giardini barocchi

Anche qui si trovano bellissime piante e giardini popolati da pavoni, ma ciò che mi ha davvero colpito è il Teatro Massimo, un monumento decorato da numerose statue disposte a ricordare, in effetti, un anfiteatro.

Monumento barocco che ricrea un anfiteatro nei giardini del Palazzo Borromeo
Il Teatro Massimo, la chicca dei giardini barocchi del Palazzo Borromeo

Dietro di esso si trova un’ampia terrazza da cui ammirare il panorama sul lago e sui giardini circostanti.

Vicolo del Fornello

Una volta uscito dai giardini del Palazzo, ti attenderà il borgo antico con i suoi vicoletti, tra i quali è famoso il Vicolo del Fornello. Qui troverai diverse vetrine tra celebri marche e concept store.

Se abiti poco distante dal Lago Maggiore, non ci sono scuse per non organizzare anche solo una gita in giornata su queste splendide isole. Io l’ho rimandato per anni, ma quando finalmente mi sono decisa a visitarle hanno decisamente superato le mie aspettative!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *